Seleziona una pagina

Cosa è un freebie

Questo articolo non vuole convincerti a crearti una newsletter se non ce l’hai, perché l’email marketing o lo si sposa, oppure no. Se non credi alla potenza di avere una tua newsletter, dove generare contatti, ti invito ad approfondire l’argomento. Forse può esserti utile questa guida scritta in modo chiaro da Studio Samo. Se sei arrivata qui solo per curiosità e ti piacciono le newsletter e credi siano efficaci, allora continua a leggere. Ogni tanto leggi la parola freebie in rete? Sappi che non è quello che pensi (te lo dico perché anni fa io l’ho confuso con il frisbee….). Un freebie è un regalo, tradotto dall’inglese “campione gratuito”, che viene appunto regalato a chi sottoscrive la newsletter in cambio della mail e a volte del nome e cognome.

Perché è importante per la newsletter

Chi si iscrive ad una newsletter solitamente o è fortemente interessato al regalo oppure è in linea con il target del sito/blog e vuole seguire la persona, il professionista, proprietario del blog e quindi in target o entrambe le cose.

Un iscritto sarà più motivato ad affidarsi a Te e scegliere i tuoi servizi o prodotti, perché legato alla logica del dono come scambio. L’antropologo Marcel Mauss ne parlava nel “Saggio sul dono”. Egli suppone che il meccanismo del dono si articoli in tre momenti fondamentali basati sul principio della reciprocità: “triplice obbligazione”:

– dare

– ricevere

– ricambiare.

Quindi è molto probabile, se il dono in questione è di grande valore e utilità quella persona che l’ha ricevuto un giorno potrebbe affidarsi a te, per ricambiare.

Come utilizzare la lista generata

Prima cosa: devi avere pazienza. Non basta avere un pulsante sul tuo sito “iscriviti” e avrai 2000 iscritti in un mese, non funziona così. Bisogna avere pazienza, la lista si nutre col tempo, piano piano. Quando avrai un discreto numero, cosa puoi fare quindi con i nominativi della tua lista?

  • strumento pubblicitario: far visualizzare la tua pubblicità alle persone iscritte alla tua mailing list;
  • targetizzazione: esempio creare un pubblico su facebook, chiamato Lookalike con delle caratteristiche similari a quelle di chi si è iscritto alla newsletter. Così Facebook crea per te un pubblico potenzialmente interessato ai tuoi contenuti;
  • utilizzarla per restare in contatto con i lettori;
  • dare nozioni in più solo agli iscritti, che non si trovano sul blog e fidelizzarli.

Ora immagina che metti online un nuovo servizio o prodotto. Chi sono le persone potenzialmente più interessata ad acquistare? Ovviamente gli iscritti alla tua newsletter, che potrai “coccolare” con uno sconto riservato a loro, ma questo lo vediamo dopo.

12 idee per i tuoi contenuti

Le idee sono infinite e dipende da quale è il tuo pubblico o il tuo potenziale target e chi vuoi raggiungere. Sostanzialmente ti suggerisco le principali idee su cui puoi lavorare:

  • un Ebook: solitamente sono i più apprezzati, con consigli, idee legati al tuo settore;
  • Workbook: a metà fra un ebook e un quaderno degli esercizi:
  • Checklist: per gli amanti delle liste e delle procedure da seguire per svolgere una cosa;
  • Video tutorial: se riesci a fare un prodotto di questo tipo, verrà apprezzato moltissimo;
  • Area riservata: una pagina protetta da password sul tuo sito dove gli iscritti possono accedere a tutti i contenuti gratuiti a loro riservati;
  • Gruppo chiuso su Fb: ipotizza tu sia una coach e vuoi rispondere alle domande di un gruppo ristretto di persone. Chi è iscritto può accedere e far parte di una piccola community riservata;
  • File audio: se il tuo target va sempre di fretta e non ha tempo di leggere, questa potrebbe essere un’ottima soluzione;
  • Corso a puntata via email;
  • Stock di foto con licenza gratuita;
  • estratto del tuo prossimo libro, se sei una scrittrice;
  • sconto riservato agli iscritti per gli acquisti, se hai un e-commerce;
  • campioncini: da inviare a casa, per esempio se crei piccoli oggetti lo invii per farlo testare ai tuoi iscritti in cambio di un feedback.

Tool per realizzarli

Ti indico i tool che sono gratuiti e semplici da usare, ovviamente esplora anche altri strumenti che trovi online, per capire quali sono quelli più adatti a te. In questo articolo ho già spiegato a grandi linee i principali tool, che comunque riporto:

  • Canva per gli ebook;
  • Issuu o canva per i workbook;
  • Pdf escape per le checklist;
  • Screencastify per i video tutorial o direttamente da youtube. Se hai solo lo smartphone, DU recorder, registra lo schermo;
  • Usa i plugin di WordPress oppure una pagina con area protetta da pw, per creare un’area riservata, se non vuoi installare troppi plug;
  • per creare il corso a puntate via email puoi usare Mailchimp o lo strumento con cui invii le newsletter. Se non sai come impostare ti rimando al post di Alessandra Farabegoli, in cui spiega i passi da eseguire, visto che una spiegazione più chiara della sua non l’ho trovata finora.

Rinnova il tuo freebie

Ho cercato di spiegarti in modo semplice cosa realizzare e come, ora ti voglio rivelare che questa settimana dirò addio al mio primo freebie: un diario in pdf scaricabile utile se si è in una fase di transizione lavorativa, per mettere nero su bianco obiettivi, idee, sogni e progetti, per cui ho avuto anche feedback positivi. E’ passato più di un anno e probabilmente lo metterò nell’area riservata fra qualche tempo, ma ho deciso di andare incontro alle esigenze di un nuovo pubblico.

Il mio nuovo freebie

Cosa ho pensato per le nuove iscritte? In base alle richieste di informazioni che ricevo ultimamente, alle curiosità, ai dubbi e le problematiche di organizzazione del proprio ufficio e lavoro, ho pensato di creare un workbook, per libere professioniste, freelance e imprenditrici, per mettere a fuoco l’organizzazione della propria settimana e scoprire quali sono le attività che possono essere delegate per una migliore gestione del tempo.

Troverai un esercizio da fare, step di base per l’organizzazione del lavoro, e i principali tool digitali che dovresti assolutamente avere a disposizione per velocizzare il tuo lavoro.

Spero che ti piaccia e che ti sia utile, puoi scaricarlo iscrivendoti alla mia newsletter. Ecco la copertina!

La copertina del mio workbook pensato per Te.

Se entrerai nel mio ufficio virtuale, ti invierò solo una email al mese, perché so che hai poco tempo, in cui ti racconterò quali altri strumenti importanti per l’ottimizzazione del lavoro ho trovato e provato per te, e ti suggerirò video, libri e podcast da seguire.

A presto.

Pin It on Pinterest

Share This